39883560_310978393003557_4778493077801140224_n.jpg
 

Dov’é la Dea?

Dea é nel vento, negli alberi, nella terra fertile, nel suolo nudo e nelle rocce, nel fuoco, nei flussi dei fiumi e le vastità  dei mari, nelle gocce di pioggia e nel silenzio del movimento astrale, nella nostra ispirazione e nella nostra capacità  di amare e amarci.

Cos’é la Dea?

Dea  sono tutte le manifestazioni della Natura nelle sue Stagioni, negli Elementi Naturali, nella nostra vita e nella vita delle creature di questo pianeta, nella materia animata come in quella inanimata.

Perché “Dea”?

E' una parola femminile nella nostra lingua perché Dea esprime l'energia madre e generativa della Terra e di cui tutti siamo figli, ma prescinde dai sessi in quanto ella tutto comprende: gli umani e gli animali che vivono tra il maschile ed il femminile, gli elementi che danzano privi di tale dicotomia. Dea é la Grande Madre che ci accompagna e in cui siamo immersi, la Vita Universale, l'Uno o il grande Tutto di cui facciamo parte,  la consapevolezza di sé e la coscienza collettiva a cui ora tendiamo nuovamente l'orecchio.

Tempio alla Dea propone un approccio naturale, elementale e stagionale alla Dea. Riconoscere di nuovo come Sacra la Natura attorno a noi, come accadeva prima che i miti, i culti e le religioni iniziassero a rendere i suoi fenomeni antropomorfi.

Le Stagioni sono i nomi della Dea , le sue manifestazioni gli elementi naturali e il movimento degli astri. Questo é ciò che in questo tempio é chiamato Dea, ed é celebrato come Sacro per la nostra vita, in molte forme e attività .

38658548_293930111375052_6993323372075548672_n.jpg

E la mitologia?

I miti delle Dee e i molti nomi che alla Natura o all'Energia  l'uomo ha dato in diversi secoli e civiltà  sono interessanti per dare un nome a ciò che vediamo e sentiamo, e potenti: aiutano a comprendere le radici della nostra civiltà  e sono utili in viaggi meditativi e di conoscenza di se stessi. Non é un caso che in quasi tutti i Pantheon la feritilità, l’abbondanza e ogni attività legata alla vita dell’uomo fosse legata a Dee femminili, a Dee Madri/Figlie/Crone. E’ l’antropomorfizzazione della Terra, di Gaia, che richiama un archetipo generativo, nell’esperienza degli esseri umani il corpo femminile. In questo tempio consideriamo importante che ognuno possa esplorare i miti e i nomi delle Dee a cui si sente più legato, per esplorarne il significato per se e per la propria vita. Le storie, e i miti, aiutano l'umanità  a comprendere un concetto così grande. Ne vedremo molte a volte, e le comprenderemo in alcune occasioni.

Dea é il “Divino Femminile”?

Molte correnti in questo momento storico associano, con risultati di meraviglioso risveglio per le donne, la parola “Dea” al concetto di “Divino Femminile”. In questo Tempio, crediamo “Dea” non indichi un’entità fisica di natura femminile, né crediamo che ci sia una dualità oppositiva tra un Dio e una Dea. Non c’é in effetti un Dio a cui ci contrapponiamo né un Dio nascosto nel cassetto di cui non parliamo. La parola “Dea” é da intendersi come un fenomeno linguistico utilizzato con intenzione che ci permette di dare un nome Sacro alla Natura Madre che ci comprende e ci genera. Maschi e Femmine, uomini e donne. Troviamo importanti e rivoluzionari i movimenti di risveglio per le donne, ma in questo Tempio onoriamo una Dea che é di tutti: é la Natura, Madre e Dea di tutti noi.

 

Tempio alla Dea non é un centro religioso, non é una rievocazione storica ma bensì un centro di ricerca e ritrovo spirituale aperto e creato nell’amore della Dea.

Questo é un Tempio Contemporaneo: riteniamo importante osservare la Natura attorno a noi in questo tempo, esperienziarla come Sacra oggi e riscoprire la magia che vive nei nostri occhi ritrovando la connessione, la meraviglia e la bellezza delle nostre esistenze ora. Liberi di vedere, toccare, immaginare.

Tutte le nostre attività sono aperte liberamente a chi desidera vivere in prima persona e creare il proprio percorso spirituale partendo, sempre, dal proprio sentire.